Malti speciali: come riconoscerli